Il Buddhismo

Una religione sostanzialmente differente dalle più consuete da noi occidentali conosciute è il buddhismo. Già l’iconografia prima di iniziare lo studio ci mostra un’immagine del Buddha assorto in meditazione con un volto serafico che sottintende un animo sereno lontano dai dolori e dalle angosce del mondo; l’occhio dell’occidentale è colpito dal contrasto con l’immagine della nostra divinità, Gesù Cristo, rappresentato in croce sofferente perché sottoposto al più barbaro supplizio che i romani riservavano ai più umili tra i condannati. Molti di noi conoscono sommariamente la storia del buddhismo, ma pochi conoscono la sua filosofia, pochissimi sanno cosa è il buddhismo nella sua essenza, e quale è il suo messaggio fondamentale, i motivi di questa scarsa conoscenza stanno nella difficoltà di accedere ad un insegnamento che risulta difficile e sicuramente diverso da quello che noi europei intendiamo per religione.

Il Buddhismo

Il buddhismo nella sua forma originaria, rifiuta infatti qualsiasi dipendenza da credenze soprannaturali, al punto che diversi autori occidentali hanno definito il buddhismo una religione atea, sostanzialmente perche nel buddhismo non è contemplata l’esistenza di un dio, ma il buddhismo dimostra che una religione può essere tale senza la fede in Dio che della religione è solo un aspetto.

Il Buddha (l’Illuminato) che è semplicemente considerato un uomo, nato e morto come tale, ha insegnato all’uomo la strada per emanciparsi dal dolore, egli attraverso la meditazione ha raggiunto l’illuminazione, che consiste nell’aver compreso la verità sulla condizione dell’uomo, ed aver trovato il rimedio alla sofferenza.  Il buddhismo non contemplando l’esistenza di entità sovrannaturali ritiene che l’uomo debba emanciparsi con le proprie forze, e il proprio impegno verso la liberazione. Il buddhismo nella sua essenza è un insegnamento finalizzato al superamento del dolore e della sofferenza.

L’insegnamento fondamentale del Buddha, il Dharma, è contenuto in Quattro Nobili Verità rivelate dallo stesso Buddha nel Sermone di Benares. La prima Nobile Verità indica l’universalità del dolore, qui si insegna che nessun uomo può sfuggire alla condizione miserevole e dolorosa, dal momento che si è nati si dovrà invecchiare e morire e nessuno potrà sottrarsi.

La seconda Nobile Verità spiega l’origine del dolore, che per il buddhismo è dovuta all’ignoranza che ci induce all’attaccamento alle cose relative e mutevoli del mondo. La terza insegna la via per sopprimere il dolore, qui con la pratica meditativa si impara a rimuovere l’attaccamento alle cose relative e condizionate. La quarta insegna otto necessarie virtù di rettitudine che ci permetteranno di superare il dolore.

Se come abbiamo visto il dolore è centrale nel messaggio filosofico buddhista, ora dobbiamo capire cosa si intende nel buddhismo per dolore(dukkha). Nel buddhismo la sofferenza ed il dolore non si devono intendere quello che noi occidentali con queste parole intendiamo, cioè una spiacevole sensazione fisica; il dolore nel buddhismo è una consapevolezza culturale, una condizione esistenziale. Si dice che la malattia, la vecchiaia, la morte sono dolorose, e tutta la vita dell’uomo e soggetta a sofferenza, ma il motivo di tanto pessimismo è soprattutto originato dalla constatazione che nel mondo e nella realtà dell’uomo tutto è impermanente (anicca), senza una sostanza inerente (anatta), relativo quindi: che vale “quel tanto e non di più”, è questa la ragione più profonda del dolore buddhista.

In questo tipo di pensiero si coglie in pieno quel generale fondo di insoddisfazione che deriva da tutti i beni e i piaceri che la vita ci riserva. Il motivo centrale della sofferenza nella filosofia buddhista è la constatazione della natura relativa e condizionata della vita dell’uomo e dei fenomeni, il rammarico di non trovare nella vita nulla di assoluto e permanente, in questa frustrazione il buddhismo mostra la sua natura religiosa, e come altre religioni non ritiene appagante e definitiva ed accettabile la realtà materiale.

E’ un comune denominatore dei principali sistemi religiosi l’alienazione nei confronti della realtà materiale, e l’incapacità di accettare la realtà nei suoi aspetti più sgradevoli, è lo scopo principale che motiva i maggiori sistemi religiosi. E’ necessario osservare come il pensiero buddhista scopra il velo della vera essenza della religione, di tutte le religioni, che trovano la loro basilare motivazione, il loro primario impulso, nel offrire una alternativa al mondo e alla realtà; spesso il seguace non indaga nella veridicità, nell’efficienza dei modi offerti dalla religione, egli si appaga immaginando possibile una strada alternativa al mondo, egli quindi non crede e segue la religione perche la ritiene vera ed infallibile, ma la segue per appagare il suo bisogno di fantasticare, rendendo la propria interiorità psichica prioritaria sulla realtà esterna con la pratica della meditazione.

L’ignoranza nel buddhismo consiste in definitiva nell’attribuire valore assoluto alle cose impermanenti e relative. Tutti gli elementi sono privi di un sé/ Tutto ciò che è condizionato è impermanente/ quando questo si vede con l’occhio della saggezza/ Allora se ne ha abbastanza della sofferenza/ questo è il cammino della purezza. dal capitolo Magga Vagga del Dhammapada.

La liberazione dallo stato di insoddisfazione, dolore e sofferenza in cui l’uomo vive, è lo scopo del buddhismo. Centrale nella pratica religiosa è la meditazione, che ridotta all’essenziale si può definire uno stato di concentrazione mentale su fenomeni sensoriali semplici, come per esempio l’attenzione sul respiro, ma il cuore della meditazione buddhista è un una disciplina di attenzione sempre più acuita, finalizzata alla comprensione della realtà materiale e fenomenica con lo scopo ultimo di comprendere la natura impermanente, dolorosa, condizionata, ed inappagante dei fatti della vita e del mondo, ottenendo in questo modo un distacco che è la via buddhista verso la liberazione che conduce alla liberazione dal dolore.

Soltanto mediante l’attenzione si potrà discernere l’errore derivato dall’ignoranza della vera realtà delle cose, soltanto mediante l’attenzione si potrà verificare la nostra atavica ignoranza che ci impedisce di intuire con evidenza che l’impermanenza (anicca) delle cose è la causa unica di sofferenza” tratto dall’introduzione del Dhammapada di Luigi Martinelli.

Il nirvana (nibbana) che è la meta dei buddhisti, significa spegnimento, estinzione, resta in ogni caso una parola dai molteplici significati: tra i più consueti si intende la fine delle rinascite, la fine della sofferenza, ma anche uno stato di distacco da tutto compresa la propria vita, il nirvana resta in ogni modo un’esperienza psichica raggiungibile parzialmente nella vita, ed ottenibile in modo definitivo e privo di contaminazioni solo con la morte(parinirvana). Ora si comprende come il buddhismo sia differente, anzi antitetico al cristianesimo, dove lo scopo ultimo resta la vita eterna, quindi la salvezza dalla morte.

Dal tronco delle parole del Buddha, si sono diversificati nel corso dei secoli tre grandi rami: il Piccolo Veicolo (Hinayana) anche detto Theravada che significa insegnamento degli anziani, oggi questa tradizione è diffusa in Birmania, Thailandia, Ceylon, Cambogia, Laos, Viet-Nam, quindi nel sud dell’Asia.  Il Grande Veicolo (Mahayana) una scuola di pensiero che ha mantenuto il messaggio originale ma ha assorbito l’influenza delle religioni presenti antecedenti il buddhismo e principalmente l’induismo, tale tradizione si trova in Cina e Giappone e Corea.

Il Veicolo Adamantino (Vajarana) rappresenta il terzo ramo del buddhismo, presente nella regione Himalayana, in Tibet, in Mongolia. Una caratteristica peculiare del buddhismo e non comune nelle altre religioni è la tolleranza, sicuramente considerato un valore, ma  l’aver tollerato e mai interamente soppiantato le religioni presenti nei luoghi di diffusione del buddhismo, ha determinato il fenomeno del sincretismo religioso. Oggi nel mondo il buddhismo appare come una religione decadente, contaminata da altri credi religiosi arcaici, dimostrando in questo modo i suoi 2500 anni.  Nell’occidente la tradizione buddhista più conosciuta è certamente il buddhismo tibetano per la presenza dei tibetani esuli del Tibet, ma il buddhismo nelle avanguardie intellettuali esiste dall’1800.

Schopenhauer dice che il buddhismo è la religione più alta. Friedrich Nietzsche si interesso al buddhismo ritenendolo una religione decadente come il cristianesimo, ma egli definì il buddhismo cento volte più realistico del cristianesimo questo perche: il concetto di Dio al suo primo apparire, è già quasi spazzato via; ma soprattutto perche esso non dice piùlotta contro il peccato”, bensì, dando pienamente ragione alla realtà,” lotta contro il dolore”. Nietzsche poi elogiò anche l’egoismo nella dottrina del Buddha.

Nel ventesimo secolo il buddhismo ha avuto un certo sviluppo a partire dagli anni 50 del secolo scorso, negli Stati Uniti per la conversione al buddhismo degli esponenti della Beat Generetion. Oggi nel mondo occidentale sono rappresentate tutte le correnti del buddhismo, e diffusi sono anche i centri di meditazione. Molti attori e personaggi illustri dello spettacolo si definiscono buddhisti, trasformando quasi la conversione al buddhismo in una moda da vip.

Molti ostacoli culturali si frappongono però tra noi occidentali e il buddhismo, e rendono  ardua l’adesione a questa religione; gli ostacoli sono di natura culturale difficilmente superabili, come ad esempio la concezione della realtà che nel buddhismo è una dimensione frustrante da rifuggire, mentre noi occidentali abbiamo fondato tutto il nostro sapere sulla scienza che è proprio lo studio della realtà materiale e dei fenomeni. Esiste poi un assunto che ostacola noi occidentali nell’approccio al buddhismo, ed è la reincarnazione. La reincarnazione o metempsicosi, è un retaggio comune di tutte le religioni indiane, nel buddhismo è accettata nella corrente Mahayana, ed è meno importante nella tradizione Hinayana. Rimane comunque un assunto religioso lontano dalla nostra cultura.
Concludendo nella sua essenza il buddhismo si può definire un pensiero filosofico di tipo religioso, dove il dolore è ritenuto il maggiore dei mali, ma questo dolore è diverso dalla nostra idea di dolore, perche in definitiva è unicamente la constatazione della vera natura del mondo e della vita dell’uomo, sono di natura relativa e quindi priva di qualsiasi entità assoluta. Il buddhismo ritiene illusoria la conoscenza materiale. Il buddhista che è un idealista, constata che tutto nella vita e nel mondo è impermanente, di conseguenza ritiene la realtà una condizione negativa. E’ soprattutto nella considerazione negativa della realtà del mondo e della vita dell’uomo che il buddhismo mostra la sua vera natura religiosa.

Il buddhismo con una metodologia quasi medica, prima fa una diagnosi e poi presenta la terapia, che è la via per superare il dolore attraverso il non attaccamento alle cose ed al mondo, il dolore viene superato con la pratica che è la meditazione(Sati-pattahana); un efficace sistema di suggestione mentale finalizzato a concentrare il praticante sulla sua realtà psichica, piuttosto di quella del mondo, raggiungendo un’alienazione dalla realtà, un ripiegamento in se stessi che permette attraverso il metodo del non-attaccamento alle cose ad alla vita di superare il dolore.

Il buddhismo quindi pur essendo differente dalle religioni a noi più vicine, è sicuramente una religione, e come tale rientra a tutti gli effetti nella definizione che feci della religione in generale. Il buddhismo ha la più alta finalità di superare la realtà dolorosa del mondo, perche anch’esso come già si è visto in altri sistemi religiosi, ritiene la realtà del mondo e la vita dell’uomo dolorosa inconsistente ed insoddisfacente e il fine religioso è sempre quello di superare la realtà, che nel buddhismo è forse peggiore della valle di lacrime dei cristiani.

Ma il rimedio della pratica religiosa buddhista del non attaccamento nei confronti della realtà impermanente e inconsistente, non possono realmente nulla nei confronti della sofferenza, ed anche qui solo la suggestione, l’estraniazione possono illudere il praticante di avere eliminato la sofferenza della vita. Solo la Prima Nobile Verità dove si descrive la natura relativa della realtà mi trova d’accordo, sulle altre tre nutro forti perplessità.

Così come nel cristianesimo che si prefiggeva la vita eterna, anche nel buddhismo che si prefigge il superamento del dolore, le mete che si prefiggono le religioni potranno essere raggiunte solamente con l’illusione. Negli ultimi scritti Feuerbach scrisse: Il buddismo è una manifestazione non dell’istinto di felicità sano, naturalmente vigoroso, retto, ragionevole, bensì di un istinto di felicità malato, esaltato, fantastico, che per il male trascura il bene, colpito ed offeso dai mali che sono connessi a ogni bene, soprattutto il male della caducità.

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva